La missione a Francavilla Fontana (1882)

Francavilla Fontana, città di ventimila abitanti era già sede di un Collegio Redentorista che fu soppresso dalle autorità politiche negli anni dell'unificazione nazionale.
Proprio in occasione della Quaresima del 1882, Padre Losito si trasferì a Francavilla per una missione. Ebbe l'invito da Padre Mottola (di Canosa) assieme a Padre Scaligena (di Massafra), da lui ben conosciuti fin dai tempi dello Studentato.
Padre Losito con voce tremante insegnava, istruiva e sapeva scuotere le coscienze quando, per la spiegazione dei Misteri del Rosario, compariva sulla tribuna per essere meglio ascoltato. Come tante scintille, le sue parole andavano ad accendere nel cuore dei fedeli quell'amore ardente che egli stesso nutriva verso la Madonna.
Immenso fu il beneficio spirituale della missione e, se tutti i Padri vi contribuirono, comunque si riconobbe che il merito principale del successo doveva ascriversi alla presenza ed alle virtù di Padre Losito. Per il Servo di Dio così si cantava: "...tra tutti i missionari, Padre Losito è il più Santo".
Con la missione del 1882 divenne desiderio popolare la riapertura del locale Collegio. Il sacerdote Tommaso Margherita prese a cuore tale iniziativa il cui costo si stimava sulle quarantamila lire. La proposta era inaccettabile perché al termine della missione tutti i Padri dovevano ripartire.
Verso la fine di Aprile del 1886 il Padre Provinciale inviò a Francavilla Padre Losito e Padre D'Amara, accompagnati dal fratello laico Achille Mancino; poi essi furono raggiunti da Padre Bartolomeo. Il Vescovo, avvisato dal Parroco Don Tommaso Margherita, consegnò ai Padri la considerevole somma di quarantamila lire per il riscatto del Collegio.
Passarono alcuni mesi senza che le pratiche per il riscatto del Collegio avessero alcun esito, per cui il Vescovo cominciò a reclamare dai Padri la somma consegnata loro.
Il Provinciale fu costretto a richiamare i suoi confratelli che, dopo circa sei mesi di fatiche ed una volta restituita la somma al Vescovo, si ritirarono mortificati per la leggerezza con la quale si volle mandarli via, con grande dispiacere della popolazione.


Per saperne di più su Francavilla Fontana clicca sul banner qui sotto!

Vai su www.francavilla-fontana.it